“Moveat”: I laboratori sulla cucina degli antichi romani per bambini

Un percorso dedicato a scuole e bambini per scoprire la cucina degli antichi Romani è l’obiettivo dei laboratori gratuiti per bambini nell’ambito della mostra “Moveat" Le vie del cibo: dalla Roma antica all’Europa Moderna” promossa da Ferrovie dello Stato Italiane e Grandi Stazioni, ideata da Andrea Schiavo e allestita dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’area archeologica di Roma.

Da domenica 7 febbraio, sono disponibili dei laboratori gratuiti "Moveat" in collaborazione con l’associazione culturale no profit LA MAGE.

I laboratori
I laboratori sono realizzati per due fasce d’età diverse: bambini della scuola materna e primaria.

Il primo laboratorio è dedicato ai bambini dai 6 agli 11 anni.

Dopo una breve visita guidata, l’Associazione Culturale si occuperà di realizzare i laboratori, che saranno ideati per due fasce d’età diverse (bambini di scuola materna e primaria) ed avranno come obiettivo la comprensione degli oggetti esposti in mostra, sottolineando l’importanza delle rotte degli alimenti, e quindi la provenienza delle merci da determinate aree geografiche e la suppellettile utilizzata.

MovEat_RM_Tiburtina_bambinidiroma

I laboratori si svolgeranno nei giorni di martedì, mercoledì e venerdì alle ore 9,30 o alle ore 10,45 da febbraio a maggio.

Obiettivi dei laboratori
Conoscere le spezie, le merci, le bevande dell’antica Roma. Vedere, toccare, manipolare le mercanzie, giocando

Individuare le imbarcazioni per il trasporto su mare e trasporto sul Tevere;

Riproduzione della ceramica a figure nere e figure rosse (simulazione su carta colorata);

come e cosa mangiavano gli antichi.
Per informazioni e prenotazioni scrivere a laboratorio MOVEAT@gmail.com o telefonare ai numeri: 3283987404 – 336697912 – 3287149135.

http://www.fsnews.it/fsn/Gruppo-FS-Italiane/MovEat–Roma-Tiburtina-partono-i-laboratori-per-scuole-e-bambini

 

Potete condividere su ....Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento